DIPARTIMENTO PSICOLOGIA

cervello.jpg
 

L’Istituto I.B.A. è impegnato a svolgere varie attività rivolte all’individuo, al gruppo, all’organizzazione e alla comunità in generale. Il lavoro dello psicologo nella struttura ospitante è incentrato sulla conduzione di colloqui psicologici orientati alla selezione e al sostegno psicologico dei suoi membri interni, permette di implementare interventi educativi, preventivi, di promozione della salute e riabilitativi, di ridurre le dinamiche di conflitto nell’ambiente organizzativo e di creare una rete di confronto tra varie figure professionali indipendenti, consente la possibilità di trovare risposte corrette, a volte originali e specifiche, che, agendo a più livelli all’interno di un’èquipe multidisciplinare di esperti con competenze sia tecnico-scientifiche sia umanistiche, collabora per la salute, il benessere e la qualità di vita non solo dei professionisti coinvolti e dei soci, ma anche dei collaboratori esterni e della comunità di appartenenza sul territorio. Una singola tecnica o metodica, a volte può risultare insufficiente a fornire una risposta adeguata e duratura, per la complessità dei fattori che entrano in campo, molto spesso interagenti in ambito psichico. Questo comporta la necessità che tutti gli operatori posseggano capacità relazionali sufficientemente buone, conoscano il lavoro delle altre professionalità dell’équipe e lo rispettino, riconoscano le competenze altrui, comunichino frequentemente tra loro e si confrontino rispetto alle problematicità.

“Nessuno può farti più male di quello che fai tu a te stesso.” 

Mahatma Gandhi

LA SALUTOGENESI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Figura 1-2: La salute nel fiume della vita (modificato da Eriksson e Lindstrom, 2007)

 

Alla base dell’azione sostenuta dal Dipartimento di Psicologia dell'Istituto I.B.A. su individui e comunità e della prospettiva scientifica che prende il nome di psicologia positiva, possiamo identificare un approccio denominato salutogenesi  che coincide con un insieme di riflessioni e azioni rivolte non tanto alle cause dell’insorgenza di malattie quanto piuttosto allo studio della fonte della salute. Partendo quindi proprio dall’etimologia del termine "salutogenesi", gli obiettivi primari sono individuati nel ricercare l’origine della salute, comprendendo come si crea e come può essere rinforzata. Il focus è quindi rivolto non alle cause della malattia, ma a quelle della salute. Si tratta di un nuovo paradigma che prende le distanze da quello riduzionistico tradizionale che è sintetizzabile nella definizione di terapia ancor oggi presente sull’enciclopedia Treccani in termini di: “studio e attuazione concreta dei mezzi e dei metodi per combattere le malattie”. Questo nuovo paradigma è riconducibile alla definizione di salute del 1948 come si legge sulla costituzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS): “La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non consiste soltanto in un’assenza di malattia o d’infermità. Il possesso del massimo stato di salute che è capace di raggiungere costituisce uno dei diritti fondamentali di ogni essere umano”.

 

IL MODELLO BIO-PSICO-SOCIALE

Il modello di riferimento che caratterizza i progetti rivolti a individui, gruppi e comunità è il modello bio-psico-sociale.  Secondo tale modello la salute è correlata ad una moltitudine di determinanti, afferenti alla dimensione biologica, psicologica e sociale; l’essere umano è un sistema aperto e complesso che interagisce con l’esterno in un processo di continuo adattamento e scambio di informazioni; tale concezione motiva l’importanza di agire non solo sul singolo ma anche su tutte le altre componenti del sistema. Ogni individuo, inoltre, è “il principale curatore” della propria salute: diviene così fondamentale il concetto di empowerment, ossia di potenziamento delle proprie risorse a tutela della propria salute. Tale concezione motiva l’importanza di agire sul singolo, stimolando risorse psicologiche sane, attraverso principalmente interventi psico-educativi ma anche su tutte le altre componenti del sistema per migliorare la qualità di vita. Strategia: in conseguenza del modello teorico di riferimento si utilizzerà una strategia di ricerca-intervento, riconducibile alla ricerca-azione di Lewin.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA RICERCA-AZIONE

La ricerca-azione (o ricerca-intervento) è un tipo di ricerca che è al tempo stesso momento di conoscenza scientifica della realtà e contributo all’attivo cambiamento di essa. Introdotta da K. Lewin negli anni ’40, può essere considerata una logica evoluzione della teoria del campo elaborata dallo stesso autore, il quale individua in questa metodologia sia un modo per studiare i fenomeni cogliendoli nel loro costante divenire, sia una strategia per risolvere problemi sociali. La ricerca-azione ha finalità conoscitive e tende al miglioramento e cambiamento della qualità della vita. La caratteristica peculiare che fa da sfondo all’intero impianto di ricerca azione è la partecipazione attiva dei soggetti coinvolti nel progetto: l’individuo da “oggetto di studio” diviene “soggetto protagonista” dell’intervento. La posizione del ricercatore-operatore non può essere puramente tecnica; egli sarà direttamente coinvolto e il suo mondo agirà sia all’inizio e alla fine che durante lo svolgimento della ricerca-intervento. Hanno molta importanza le capacità relazionali e i valori del ricercatore.​

AMBITI

Psicologia Clinica e della Salute

Psicologia Sociale e di Comunità

In tale prospettiva opera la figura dello psicologo all'interno della nostra struttura. "Lo psicologo è il professionista che interviene all’interno dei contesti (individuali, interpersonali, sociali, istituzionali e in ambito lavorativo) tramite l’utilizzo di strumenti e tecniche che hanno il loro fondamento in teorie, costrutti e modelli psicologici condivisi dalla comunità scientifica. Lo psicologo opera al fine di conoscere, migliorare e tutelare il benessere psicologico e la salute nelle persone, famiglie, comunità e organizzazioni sociali e lavorative. La competenza dello psicologo ad intervenire è pertanto una competenza specifica, ma trasversale, che consente di connettere la prassi professionale alla domanda della committenza. La professione di psicologo è ordinata dalla Legge 18/02/1989, n. 56, ed è disciplinata dal Codice Deontologico degli Psicologi Italiani." CNOP - Consiglio Nazionale Ordine degli Psicologi

L'approccio di lavoro privilegiato dai professionisti in questo settore all'interno del nostro Istituto è integrato e multidisciplinare alla cura, in modo da favorire l’integrazione di punti di vista diversi nei processi di prevenzione del disagio, promozione del benessere e sviluppo di strategie. L’approccio metodologico pone particolare attenzione, trattandosi di utenza con esigenze diverse,  allo sviluppo di processi di rielaborazione personale e di consapevolezza di sé.

ATTIVITÀ 

  • Diagnosi

  • Prevenzione del disagio psicologico

  • Sostegno

  • Consulenza psicologica

  • Promozione della salute e benessere psicosociale individuale e nei contesti sociali

Riferimenti bibliografici:

- Antonovsky, A. (1987).  Unraveling The Mystery of Health - How People Manage Stress and Stay Well, San Francisco: Jossey-Bass Publishers.

- Bertini, M. (1988). Psicologia e salute. Roma: La Nuova Italia Scientifica.

- Biondi, M. (1997). “Mente, cervello e sistema immunitario”. McGraw-Hill, Milano.

- Calvo V., Rocco D. (2004). "Il colloquio psicologico. Modelli clinici e tecniche di analisi". Domeneghini Editore, Padova.

- Calvo, V. (2007). Il colloquio di counselling. ed. Il Mulino.

- Engel, G. L. (1977).The need for a new medical model: a challenge for biomedicine, in Science, vol. 196, n. 4286, pp. 129–36.

- Engel, G. L. (1980). The clinical application of the biopsychosocial model, in American Journal of Psychiatry, vol. 137, n. 5, pp. 535–544.

- Goldwurm, G.F., Baruffi, M., Colombo, F. (2004). “Qualità della vita e benessere psicologico. Aspetti comportamentali e cognitivi del vivere felice”. McGraw-Hill, Milano.

- Hough M. (1996). Abilità di counseling. Erickson, Trento.

- Lewin, K. (1980). I conflitti sociali, Milano, Franco Angeli.

- Lis A., Venuti P., De Zordo M.R. (1995). Il colloquio come strumento psicologico. Giunti, Firenze.

- Majani G. (1999). “Introduzione alla psicologia della salute”. Erickson, Trento. Zani B.

- Pancheri P. (1995). “Stress, emozioni, malattia”. Mondadori, Milano. Roma. - Seligman M.E.P. (1996). "Imparare l'ottimismo". Giunti, Firenze.

- Rocco, D. (2002) “Teorie e tecniche del colloquio clinico dal punto di vista dell’Analisi Transazionale”, Imprimitur, Padova.

- Semi, A. (1985). "Tecnica del colloquio", Cortina Editore, Milano

- Simonelli, I. & Simonelli, F. (2010). Atlante concettuale della salutogenesi. Modelli e teorie di riferimento per generare salute. Milano: FrancoAngeli Edizioni.

- Zamperini A., Testoni I. (2002). "Psicologia sociale". Einaudi, Torino.

medicina-integrata-750x422_center_center
stressor.jpg

Il Progetto "SOS Poseidone: Come navigare sulle correnti dell'emergenza", nasce durante il periodo di pandemia globale legato all'emergenza sanitaria Covid-19, per fronteggiare il disagio psicosociale e psicorelazionale, l'isolamento, lo smarrimento e l'ansia dovuta al drastico cambiamento sociale e individuale che ognuno si è trovato costretto ad attraversare nella propria quotidianità, a volte purtroppo con tragici effetti sulla propria salute psicofisica. La centralità delle relazioni interpersonali tra individui è un aspetto imprescindibile della vita; i servizi messi a disposizione tramite il progetto "SOS Poseidone", si prefiggono di contribuire a costruire nuove e possibili reti sociali, in quanto ogni persona ha il diritto di rimanere in contatto con l'altro per crescere e confrontarsi, in un panorama nel quale la tecnologia sta inevitabilmente sempre più cambiando le modalità di comunicazione tra individui, gruppi e società, soprattutto per salvaguardare, ove possibile, la salute di ognuno.

COS'È "SOS POSEIDONE"

È un punto fiduciale, un faro, uno spazio virtuale e non solo che nasce dal bisogno di fornire riferimenti, supporto e accoglienza. Una bussola per orientarci in un periodo di così alta emergenza, isolamento e solitudine, per contrastare il senso di confusione e l'assenza di fiducia in quel mare mosso di emozioni, pensieri e preoccupazioni.

A CHI SI RIVOLGE

​A tutte le persone di maggiore età che sentono il bisogno di vivere momenti di contatto, serenità e umanità, all'interno di uno spazio protetto e sicuro con professionisti qualificati.

 

IL SERVIZIO OFFRE:

  • CENTRALINO TELEFONICO DI EMERGENZA "Chiama Gaia"

  • PERCORSI PSICOLOGICI

  • GRUPPI DI SOSTEGNO

  • SEMINARI ONLINE DI SENSIBILIZZAZIONE

  • INCONTRI ONLINE DI GESTIONE DELLO STRESS

 

Salviamo le relazioni!

Per informazioni e prenotazioni scrivere una email all'indirizzo: istituto.bioquantica@gmail.com oppure compila il modulo cliccando sul pulsante qui sotto specificando la tua richiesta.

SOS Poseidone.png