• Istituto di BioQuantica

LABORATORIO BIOQUANTICO MIRRORING GROUP

"L’essere umano è molto di più che un semplice ammasso di atomi o di molecole, noi “siamo fatti di luce” (Albert Fritz Popp)


I Mirroring Group (letteralmente “Gruppi di rispecchiamento”) rappresentano l’emblema dell’integrazione tra le innovazioni scientifiche delle fisica quantistica e il superamento del tradizionale approccio olistico della relazione d’aiuto alla persona. Fino ad oggi il mondo scientifico “Newtoniano” con il suo approccio deterministico e meccanicistico, viveva una realtà completamente estranea e sconnessa dagli aspetti legati alla crescita personale e tutto ciò che aveva a che fare con le fogge umane quali la coscienza, le emozioni e la soggettività in generale. Le variabili e le interferenze che entrano in gioco nel “sistema uomo” sono tante e imprevedibili, al punto tale che fino ad ora non è stato possibile seguire un percorso definito e scientificamente attendibile che potesse spiegare tali fenomeni. Le terapie stesse, le quali volevano seguire un approccio scientifico tradizionale, erano costrette a considerare l’essere umano quasi come una macchina. In contrapposizione a quest’eccesso di frammentazione culturale, l’approccio olistico alla persona restituiva maggiore dignità all’essere umano a discapito però del rigore scientifico. Questi due approcci alla terapia (meccanicistico e olistico) vivevano accanto, senza comunque trovare un punto reale di convergenza. L’orientamento BioQuantico, in questo orizzonte di lontananze epistemologiche, rappresenta un segno di accostamento tra questi due mondi, che per troppo tempo sono rimasti separati. Il nuovo modo di concepire la materia e l’energia come un tutt’uno imprescindibile, tipico della fisica quantistica, ci porta a riconoscere il corpo fisico come un sistema energetico aperto e in continua trasformazione. Tale metamorfosi non avviene casualmente, ma è legata a una serie di variabili che derivano dal campo energico con cui la persona si trova a interagire. Se consideriamo valido il principio della fisica quantistica che afferma l’esistente permanentemente interconnesso in maniera coerente, potremmo asserire che anche l’essere umano è interconnesso ad un campo di informazioni e che da questo campo dipende il suo equilibrio. Quando l’informazione diventa intenzione inconscia, questa si materializza a prescindere dalla nostra stessa volontà. Spesso ci capitano degli incidenti o degli eventi indesiderati e cerchiamo di capirci qualcosa adottando un processo interpretativo di natura analitica. Tali processi, richiedono tempi lunghissimi e impegnano un enorme dispendio di energia. Come nella nella fisica quantistica, anche nella vita di tutti i giorni, il soggetto influenza la realtà, consciamente o inconsciamente. Il fisico tedesco Heisemberg già premio Nobel, con il principio d’indeterminazione, afferma che non esiste una realtà oggettiva, completamente indipendente dall’osservatore. L’atto stesso di osservare comporta immettere energia nel sistema; per tanto si è sempre e comunque partecipanti poiché, come detto prima: “tutto è interdipendente e interconnesso in maniera coerente”. La separazione è solamente un’illusione della mente e qualunque immagine conscia infatti, può precipitare su un piano di realtà condivisa. La possibilità di potersi sperimentare in piccoli gruppi di quattro o cinque persone, rappresenta una potente possibilità di cambiamento immediato. Come sosteneva il fisico irlandese Bell, le particelle subatomiche sono in grado di comunicare tra di loro informazioni in modo istantaneo, in altri termini sono connesse in modo non-locale. “Quando due particelle sono emesse in direzioni opposte e le proprietà di una di esse sono attualizzate da una misurazione, le proprietà dell’altra particella – anche esse misurate – saranno correlate indipendentemente dalla distanza che le separa”. Allo stesso modo, la nostra coscienza, grazie al campo energetico umano “torsionale”, si espande con specifiche tecniche di meditazione risonante. Grazie a queste tecniche, i partecipanti al gruppo, potranno sperimentare con tutti i sensi la meraviglia del sentirsi collegati da un unico flusso energetico che potrà favorire una vera e propria cura di sé, poiché dove c’è coscienza c’è responsabilità e quindi libertà. I conflitti interni, le sofferenze e gli ostacoli che impediscono l’emergere della gioia spariscono, spesso con una rapidità sorprendente, confermando così che quei disturbi non erano dovuti a cause materiali, ma erano la diretta conseguenza del travaglio interiore, di un conflitto intimo e segreto, mai svelato: forse interamente neppure a noi stessi! L’afflusso di energia radiante che si riesce a scatenare durante gli incontri è veramente travolgente per la sua subitaneità e potenza. I primi bagliori di luce, di felicità e di energia che lo accompagnano, producono spesso una mirabile liberazione di entusiasmo, accompagnato dalla reviviscenza di una serie di facoltà ancora inattive. L’incontro con il sé non può prescindere dall’incontro con l’altro: durante la sessione saranno proposte tecniche di risveglio coscienziale attraverso la stimolazione e l’attivazione della “Ghiandola Pineale”, che permetteranno di raggiungere una connessione diretta e immediata con il trascendente, così come ognuno lo concepisce. Saranno proposte pratiche di sollecitazione dell’intuizione che indurranno un potente effetto regressivo, fino a giungere all’anima dell’altro nel rispetto della sacralità dei rispettivi limiti. Da quel punto di purezza e innocenza ci incammineremo, fra assoluto e relativo, nei sentieri del cuore per giungere a una vera rinascita nella luce spirituale dell’eterna presenza. Sarà un viaggio alla scoperta di noi stessi in connessione con il tutto, un percorso di crescita esperienziale che mira ad ampliare i nostri limiti e confini tramite la propria coscienza e responsabilità individuale.


L’Istituto di BioQuantica Applicata propone dei percorsi esperienziali, rivolti sia a quei professionisti interessati ad effettuare una supervisione professionale o che intendano completare il proprio percorso di Riqualificazione Professionale in ambito BioQuantico, sia a coloro che intendano intraprendere un percorso di crescita personale. Questi incontri rappresentano la quintessenza dell'esperienza BioQuantica® e forniscono gli elementi basilari e caratterizzanti del nostro approccio.


La partecipazione minima ai Mirroring Group è di sei incontri con cadenza mensile.

Conduce il Dott. Valerio Sgalambro.


Contatti

Per maggiori informazioni: Tel. 055 29 11 99 - 393 915 40 47; email: istituto.bioquantica@gmail.com

C.F. - ISTITUTO I.B.A. 94075520489

P. IVA - I.B.A. di V.S. 04882650486

 

INBANK

IBAN: IT53Y0359901899050188546279

Tel: 055 291199 - 3939154047 

 

istituto.bioquantica@gmail.com

    Via delle Cento Stelle 30 - 50137 Firenze

 

Mise logo.jpg
unimarconi.jpg
  • gmail image
  • https://www.youtube.com/channel/UCy0
  • 771367