• Istituto di BioQuantica

FOTONICA PROJECT Evanescenze luminose

Come conferma oggi la scienza "Siamo esseri di luce".

Mohabitat e Danza Bioquantica si uniscono insieme per dar vita al progetto "FOTONICA Evanescenze Luminose". Il nostro collettivo si compone di quattro elementi che si intrecciano sincronicamente in nome di una grande passione comune: l'espressione creativo-artistica. L'aspetto pedagogico-scientifico, insieme a quello sonoro, digitale e del movimento corporeo creano un'esperienza unica nel suo genere e assolutamente immersiva. Le performances risultano ricercate, ma tutto si gioca nel momento presente all'interno della scena, dove niente è prevedibile e tutto diventa possibile.


PREMESSA

La nostra idea muove dall’espressione: “Siamo Luce” e prende ispirazione dalle ultime scoperte delle scienze di frontiera, in particolare dagli assunti della meccanica quantistica.

Negli ultimi 50 anni, i progressi della scienza ci hanno condotto a una nuova visione del mondo e a una totale ridefinizione della natura umana. Le rivoluzionarie scoperte della fisica dei quanti hanno evidenziato lo strettissimo rapporto esistente fra corpo e mente. A partire dalla teoria della relatività ristretta di Einstein, dalla quale si evince che la materia e l’energia sono reversibili, i fisici quantistici hanno affermato il concetto secondo il quale le particelle subatomiche che costituiscono l’intero universo, uomini inclusi, sono in realtà modelli di energia e luce condensata.

Pertanto gli esseri umani, in quanto sistemi di energia multidimensionali, possono essere definiti sistemi energetici, in altre parole esseri di luce. La componente fisica rappresenta una minima parte del sistema umano, la maggior parte di essa risulta impercettibile ai nostri limitati sensi fisici.

Il biofisico tedesco Fritz Albert Popp, con i suoi esperimenti confermò che tutti gli esseri viventi emanano luce sottoforma di Biofotoni. Per Biofotone s’intende la parte elementare di cui si compone la luce, in altre parole quanti di luce emessi spontaneamente da ogni essere vivente. Il corpo, essendo costituito di atomi ed elettroni che generano un campo di onde elettromagnetiche, sviluppa anche onde luminose sottoforma di Biofotoni.

“Oggi noi sappiamo che l’uomo è essenzialmente un essere di luce. E la scienza moderna della fotobiologia ce ne sta fornendo le prove. Nel campo della salute le implicazioni sono enormi. Adesso sappiamo, per esempio, che la luce può generare, o arrestare, delle reazioni a catena nelle cellule, e che il danno genetico cellulare può essere virtualmente riparato, nel giro di alcune ore, da deboli fasci di luce.” Fritz Albert Popp

La scienza si trova sempre più in accordo con la poesia dell’esperienza umana diretta: siamo molto di più che un semplice ammasso di atomi e molecole che formano il nostro corpo fisico. Siamo anche degli esseri fatti di luce. I Biofotoni che vengono emessi dal nostro corpo umano, possono essere rilasciati attraverso l’intenzione mentale e possono modulare processi fondamentali tra cellule e DNA, tramite la ghiandola pineale: l’occhio della visione interiore. L’immagine della luce ci riconduce quindi a un livello di coscienza risvegliata. Grazie ad essa la nostra mente può vedere i colori e quindi le forme, quali radici dell’immaginazione (immago-azione), ovvero immagini messe in azione. Se la luce è capace di ricondurci al risveglio interiore, il massimo della coscienza risvegliata coincide con l’illuminazione, intesa come capacità di autorappresentarsi, ovvero metaconsapevolezza di se stessi. Per illuminazione intendiamo la ricerca dell’essenzialità, intesa come semplicità, contrapposta all’infinita complessità dell’esistenza.


OBIETTIVI

Il progetto “FOTONICA Evanescenze luminose”, mette in risalto la stretta connessione tra la luce e il nostro essere coscienti. Tutto è luce e suono, ovvero energia allo stato vibrazionale.

La nostra proposta mette in gioco questi due elementi all’interno di una dinamica immersiva in cui la danza diventa un’epiclesi deiettiva del nostro essere presenti al di là del solipsismo esistenziale.

Il progetto consiste in una performance artistica, visiva e musicale per definizione mutabile e mai uguale a se stessa, in quanto creata dalla sincronicità che si genera sul momento tra gli attori della rappresentazione.


L’intermediazione cinestesica della danza genera un imprescindibile entanglement sinestesico e simultaneo di suoni e colori, rappresentando una parusia di elementi non sempre percepibili, ma comunque reali alla sensibilità di un fruitore partecipante. Una risonanza di frequenze visive, musicali e corporee che prendono forma e vita grazie al movimento sincrono dei partecipanti.

Il senso di spaesamento del “solus ispe” si contrappone alla dimensione interattiva della performance, la quale induce ad un sentimento di familiarità, restituendoci quell’essenza ontologica ed esistenziale di sentirsi a “casa propria”.


I TRE MOMENTI: LUCE, OMBRA E LIBERTA’

Abbiamo voluto articolare la performance in tre precisi momenti: Luce, Ombra e Libertà (“libera-azione”, azione resa libera).

Nel primo momento viene dato spazio alla Luce nella sua forma più indistinta e originaria: il movimento corporeo imprime forma alle proiezioni digitali e istantanee di luce trasformando il suono in gesto vibrante e tangibile.

Nella seconda dimensione, la rappresentazione dell’Ombra viene espressa in una solennità ieratica. I gesti vengono amplificati dal gioco di ombre e di luci, le sagome ingigantite rappresentano le nostre paure del misterioso e dello sconosciuto (il forestiero che ci abita).

Nella fase finale, la libera-azione viene rappresentata da un gioco piezoelettrico di incandescenze: la musica diventa incalzante grazie all’inserimento di elementi sonori che richiamano le antiche trombe egizie attraverso una coralità “subluminale” di esaltante maestria. L’oggetto danzante viene soverchiato da un palcoscenico dinamico di vertiginosa mutazione.

Un caleidoscopio di forme e di colori desituano la scena trasponendola in una scorporazione attiva e trepidante, in cui la forza di gravità perde la sua egemonia per dare spazio alla libera-azione prima sensoriale e poi spirituale dell’anima: “Fiat lux” (Genesi, 1,3, "Vayomer Elohim yehi-or vayehi-or", "Dio disse sia fatta la luce e la luce fu").


Progetto registrato e protetto dal Copyright©.


Responsabili del progetto

Valerio Sgalambro – Direzione pedagogico-scientifica

Hamaranta – Visuals & Graphics

Monoki – Scomposer Minimal Live Elettronics

Eva Velicskov – Dance Artist & Performer



MOHABITAT

Duo Audio/Video | Italia

Monoki & Hamaranta. Sound, Visual, Arts & Research


Mohabitat è un duo che propone performance audiovisive di matrice elettronica e installazioni di arte contemporanea. Lavorano con materiali originali e manipolati, utilizzando proiezioni e sintetizzatori analogici. Il duo cerca di creare un'esperienza unica e coinvolgente in cui audio e video si uniscono per creare un nuovo linguaggio. La musica elettronica risente di influenze diverse, echi post-rock, melodie cinematiche e pattern di batteria dub-techno, mentre le proiezioni, modulate ogni volta per il luogo che le accoglie, spaziano da texture ipnotiche e geometriche passando per filmati d'archivio fino a sequenze di ripresa reali, creando universi coinvolgenti dove l’elettronica profonda e melodica si mescola con le immagini per un'esperienza esclusiva, ogni volta diversa.

https://www.instagram.com/mohabitat/

https://www.facebook.com/mohabitat/


DANZA BIOQUANTICA®

Multimedia Body Research & Performance | Italia

Eva Velicskov - Multidisciplinary Artist, Performer

Dott. Valerio Sgalambro - Presidente dell'Istituto di BioQuantica® Applicata


Danza Bioquantica® rappresenta una strategia di ricerca creativa e interattiva che da forma alle informazioni e insight che arrivano a un livello percettivo superiore, esprimendole con il movimento artistico insieme anche a supporti multimediali. Un tentativo di ricerca, studio e dialogo tra l’Arte e la Scienza BioQuantica. Prendendo ispirazione dai concetti del mondo scientifico, tramite l’espressione corporea, interpreta l’essere umano in un approccio olistico considerandolo come un sistema aperto costantemente interconnesso con tutto ciò che lo circonda. Fondamentali sono i concetti di energia e di campo torsionale. Le performances sembrano entrare in scena in una cornice che ricorda il teatro; tuttavia producono uno scarto rispetto ad esso. La molteplicità dei linguaggi e i caratteri stessi dell’illusionismo virtuale la rendono interattiva trasformando l’osservatore in partecipante attivo.

https://www.instagram.com/danzabioquantica/

https://www.facebook.com/danzabioquantica/


Guarda il video!




#fotonica #evanescenzeluminose #progettiartistici #danzabioquantica #mohabitat #lux #frequenze #energia #vibrazione #fisicaquantistica #multimediaarts #performance #research #dance #body #music #sound #elettronicmusic #minimal

C.F. - ISTITUTO I.B.A. 94075520489

P. IVA - I.B.A. di V.S. 04882650486

 

INBANK

IBAN: IT53Y0359901899050188546279

Tel: 055 291199 - 3939154047 

 

istituto.bioquantica@gmail.com

    Via delle Cento Stelle 30 - 50137 Firenze

 

Mise logo.jpg
unimarconi.jpg
  • gmail image
  • https://www.youtube.com/channel/UCy0
  • 771367